Perché un Paese come il nostro dovrebbe retribuire i suoi insegnanti meno degli altri partner europei?

Molte statistiche, ultima quella dell’Ocse, confermano che il livello dei salari dei docenti italiani è nettamente sotto la media europea. Dopo 15 anni di esperienza in Italia i docenti della primaria arrivano a 33.536 euro, contro una media Ocse di 38.551 euro. A fine carriera si arriva a 40.740 euro, contro una media Ocse di 50723 euro.

E allora ci si chiede come si possa pensare di costruire un futuro più giusto senza valorizzare il preziosissimo lavoro dei nostri insegnanti. Semplice, non si può e non si deve.

Per questo, una delle misure del “Piano per l’Italia” che abbiamo sottoposto al governo chiede con forza di pagare di più i nostri insegnanti, allineando perlomeno la loro retribuzione alla media europea.

Perché l’abbiamo detto più volte e non ci stancheremo mai di continuare a ripeterlo: più conoscenza vuol dire meno paura. E allo stesso tempo significa offrire ai nostri figli, finalmente, una speranza concreta, con tante opportunità in più.