“Tre settimane fa proposi di coinvolgere direttamente il Terzo settore nell’accoglienza dei profughi ucraini, definendo un secondo canale, complementare a quello già organizzato dal Ministero dell’Interno. Grazie alla volontà del Governo e alla determinazione del Capo del Dipartimento della protezione civile, è da oggi operativa l’ordinanza che prevede la raccolta di manifestazioni di interesse da parte delle grandi reti nazionali del Terzo settore, al fine di definire convenzioni per l’accoglienza diffusa dei profughi ucraini. Sono convinto che in questo modo sapremo dimostrare più facilmente la grande generosità delle famiglie e del popolo italiano. Sarà un bel banco di prova anche per gli enti del Terzo settore: non solo fornitori di servizi, ma anche capaci di svolgere ruoli attivi di co-programmazione e co-progettazione in attività di interesse generale”.

Così in una nota Stefano Lepri, deputato e responsabile PD per il Terzo settore.